Vuoi richiedere una collaborazione con Fintech Advisor?

Ti piacerebbe pubblicizzare il tuo business su Fintech Advisor?

Sei un influencer e vorresti parlare di Fintech Advisor alla tua community.

Vuoi collaborare come editore oppure vuoi proporci una proposta di collaborazione?

Compila il modulo qui a lato e parlaci di te e della tua proposta!

Valuteremo la tua proposta e ti ricontatteremo nel giro di quale giorno.

5 + 5 =

celsius-ha-depositato-25000-eth-per-accelerare-il-lancio-di-ethereum-2.0

Celsius ha depositato 25.000 ETH per accelerare il lancio di Ethereum 2.0

Nov 26, 2020 | Blockchain, Fintech | 0 commenti

Il contratto di deposito per Ethereum 2.0 ha continuato a ricevere fondi anche dopo il raggiungimento dell’obiettivo prefissato

L’attesissimo lancio di Ethereum 2.0 è previsto per la prossima settimana. In particolare, è stato confermato che la blockchain Proof-of-Stake di ETH 2.0, nota come “Beacon Chain”, funzionerà parallelamente alla rete Ethereum a partire dal 1° dicembre.

Sebbene alcuni membri della community fossero scettici in merito a questa data di lancio, nel contratto di Ethereum 2.0 sono stati depositati ben 524.288 Ether (ETH) da parte di 16.384 aspiranti validatori prima della data di scadenza. La Ethereum Foundation può quindi garantire che il network Proof-of-Stake sarà effettivamente operativo nei tempi previsti.

È inoltre importante sottolineare come molti fondi siano arrivati nel contratto di deposito anche dopo il raggiungimento dell’obiettivo prefissato. Il 24 novembre, per dare un’analisi a tutto tondo del processo, Vitalik Buterin, il co-fondatore di Ethereum, ha tweetato un’immagine che mostra l’impressionante quantità di transazioni processate dalla rete Ethereum nel corso del tempo:

“Riporto nelle immagini qualche statistica sui depositi di ETH 2.0 (in particolare quelli che serviranno per il lancio).

Faccio notare che questi dati si basano sugli address di chi ha depositato e non sulle identità verificate, quindi potrebbero essere distorti dalla pratica di separare o condividere gli account.”

Sebbene la provenienza di queste transazioni non sia chiara, Alex Mashinsky, amministratore delegato e fondatore di Celsius Network (una piattaforma di prestiti crypto) ha svelato che la sua società ha inviato 25.000 ETH per garantire che il contratto di deposito ETH 2.0 avesse fondi sufficienti per il lancio del 1° dicembre.

Secondo Mashinsky, l’importo di ETH depositati da Celsius equivaleva a 15.125.000 dollari al momento della transazione. Mashinsky ha inoltre sottolineato che i fondi provenivano dal pool di asset della community di Celsius, spiegando che questi verranno utilizzati per generare un rendimento ancora più elevato per la community, una volta che il network Ethereum 2.0 sarà online.

Attualmente, gli utenti Celsius possono guadagnare fino al 7,21% annuale sugli ETH detenuti nel wallet Celsius. Mashinsky ha spiegato:

“Abbiamo già 230.00 utenti sulla rete Celsius, nonché 3,3 miliardi di dollari di asset. Questi utenti stanno versando ETH e così facendo permettono alla rete di guadagnare in molti modi diversi. I 25.000 ETH che hanno contribuito alla rete Proof-of-Stake di Ethereum 2.0 genereranno un’altra fonte di rendimento per la nostra community.”

Mashinsky ha inoltre chiarito come la crescente community di Celsius sia stata modellata su quella di Ethereum, sottolineando quindi l’importanza di restituire qualcosa al network di ETH:

“Abbiamo costruito il nostro token CEL sulla blockchain Ethereum e lo abbiamo usato per scalare e diventare una delle aziende in più rapida crescita nel settore crypto. Siamo orgogliosi di partecipare alla nascita di ETH 2.0, contribuendo con 25.000 ETH da parte della community Celsius. Speriamo di poter aiutare un’azienda che ci ha dato una mano a far crescere il nostro progetto.”

Speranze ma anche timori per ETH 2.0

Sebbene la Beacon Chain di ETH 2.0 dovrebbe partire il 1° dicembre, nel mondo crypto ci sono ancora delle preoccupazioni. Ad esempio, mentre ci si aspetta che i problemi di scalabilità siano risolti dalla migrazione ad un algoritmo di consenso Proof-of-Stake, la sicurezza di alcuni smart contract rimane ampiamente discutibile. Queste problematiche sono venute alla luce soprattutto in seguito al boom dei progetti DeFi.

Per questo motivo, un nuovo gruppo di lavoro dell’Enterprise Ethereum Alliance, chiamato EthTrust Security Levels Working Group ,si è concentrato sulla creazione di una serie di standard per garantire la sicurezza degli smart contract: essi sperano, col tempo, di sviluppare un registro digitale per garantire la sicurezza del codice che verrà utilizzato dalle imprese.

Inoltre, alcuni continuano a temere che i benefici del lancio di Ethereum 2.0 non si vedranno subito, ma saranno graduali: è evidente a molti, pertanto, la necessità di soluzioni di scalabilità Layer-2.

Al di là delle preoccupazioni, Mashinsky ha espresso entusiasmo per la maggiore velocità del network:

“Ethereum 2.0 scalerà tutto 100 volte più velocemente di adesso. La migrazione di Ethereum da un network Proof-of-Work ad uno Proof-of-Stake aprirà un universo di nuove idee e opportunità che prima non potevano essere realizzate a causa di problemi di scalabilità.”

LEGGI L’ARTICOLO SU IT.COINTELEGRAPH.COM


IMPORTANTE: Questo articolo non è stato originariamente creato da Fintech Advisor e la sua proprietà intellettuale appartiene totalmente alla fonte originale.


Ogni testo, immagine, foto e così via è stato estratto direttamente e automaticamente dalla fonte originale attraverso il suo feed RSS

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News in Evidenza

LE MIGLIORI NOTIZIE DEL MONDO FINTECH DIRETTAMENTE SULLA TUA MAIL, OGNI GIORNO.

Le nostre ultime Video News!

LE NOTIZIE PIÙ RECENTI