Vuoi richiedere una collaborazione con Fintech Advisor?

Ti piacerebbe pubblicizzare il tuo business su Fintech Advisor?

Sei un influencer e vorresti parlare di Fintech Advisor alla tua community.

Vuoi collaborare come editore oppure vuoi proporci una proposta di collaborazione?

Compila il modulo qui a lato e parlaci di te e della tua proposta!

Valuteremo la tua proposta e ti ricontatteremo nel giro di quale giorno.

3 + 2 =

ceo-di-yellow-card:-in-africa-la-popolarita-delle-crypto-sta-crescendo-a-dismisura

CEO di Yellow Card: in Africa la popolarità delle crypto sta crescendo a dismisura

Lug 25, 2020 | Blockchain, Fintech | 0 commenti

Secondo il dirigente dell’exchange nigeriano, le criptovalute possono risolvere molti dei problemi che la popolazione affronta quotidianamente

Secondo Chris Maurice, CEO dell’exchange nigeriano Yellow Card, l’utilizzo e il trading delle criptovalute sono ormai una realtà affermata in Africa.

Durante un’intervista con Cointelegraph, Maurice ha dichiarato:

“La scena crypto sta crescendo molto rapidamente in tutto il continente, in particolare in Nigeria, Sudafrica, Ghana e Kenya. A questo punto, è solo questione di tempo prima che si diffondano capillarmente anche negli altri Paesi.”

L’utilizzo di crypto in Africa non è accuratamente rappresentato

Contrariamente a quanto succede nel Nord America, in cui le transazioni vengono svolte principalmente sugli exchange, in Africa il trading e l’utilizzo avvengono in maggioranza sui canali informali over-the-counter (OTC): quindi, stimare la popolarità del settore basandosi solo sui dati forniti dai provider ufficiali potrebbe trarre in inganno.

Con riferimento ai volumi di trading, Maurice ha dichiarato:

“La maggior parte non passa per gli exchange: viene fatto tutto tramite WhatsApp, Telegram o altri OTC. Basandomi sulla popolarità di queste dark pools, che passano per gruppi Telegram e WhatsApp, ritengo che la quantità di crypto scambiate sia almeno di cinque-otto volte maggiore di quanto farebbero pensare i numeri ufficiali.”

In Africa c’è molto interesse per il settore

In merito alle nazioni dove le criptovalute sono più popolari, Maurice ha affermato:

“Secondo alcune stime, sia la Nigeria che il Sudafrica sono nella Top 5 in termini di utenti per capita: il 10% dei sudafricani possiederebbe Bitcoin, o li avrebbe posseduti in passato.”

Un recente report di Cointelegraph ha confermato che nella regione ci sono alti tassi di titolarità ed utilizzo di criptovalute.

Alla luce della sua esperienza con Yellow Card e della sua conoscenza dell’ambiente, Maurice ha tracciato un paragone tra la scena africana con quella americana, facendo notare come i dati non dovrebbero stupire: “Chiunque qui ha delle nozioni di base su come funziona Bitcoin, in particolare in Nigeria e Sudafrica.

Gli utenti africani sono molto attratti dalle crypto

Maurice ha spiegato il motivo dell’incredibile popolarità di BTC: innanzitutto, si tratta di un asset digitale globale gestito da terzi e non dal governo locale. Questo implica che Bitcoin possa rispondere all’esigenza di transazioni veloci e riserva di valore indipendente. Se dovessero usare solo gli asset tradizionali, le persone incontrerebbero notevoli difficoltà ad accedere a servizi similari: inoltre, per i residenti del continente africano BTC potrebbe rappresentare una fonte alternativa di guadagno.

La fascinazione africana per le crypto è iniziata circa sei anni fa

Gli africani hanno iniziato ad interessarsi al settore tra il 2014 ed il 2015, con un picco a partire dal 2017, anno molto positivo per il settore. Difatti, in quel periodo anche i media asiatici, nordamericani ed europei hanno iniziato a trattare maggiormente la tematica.

Con l’hype portato da un’esposizione mediatica mainstream, il prezzo di BTC è cresciuto enormemente. Maurice sostiene che questo interesse globale abbia spinto molti a fare ricerche sull’argomento:

“Tutti quelli che ho conosciuto in Africa hanno grande spirito di iniziativa. Quando vedono un’opportunità simile vogliono subito saperne di più”.

Le crypto sono per loro stessa natura un asset globale: sin dalla nascita del Bitcoin, nel lontano 2009, si sono intrecciate con la situazione socioeconomica dei vari Paesi e vengono utilizzate per andare incontro alle necessità maggiormente sentite dalla popolazione: una possibile soluzione all’inflazione in Venezuela, oppure un nuovo bene su cui speculare in Nord America.

LEGGI L’ARTICOLO SU IT.COINTELEGRAPH.COM


IMPORTANTE: Questo articolo non è stato originariamente creato da Fintech Advisor e la sua proprietà intellettuale appartiene totalmente alla fonte originale.


Ogni testo, immagine, foto e così via è stato estratto direttamente e automaticamente dalla fonte originale attraverso il suo feed RSS

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News in Evidenza

LE MIGLIORI NOTIZIE DEL MONDO FINTECH DIRETTAMENTE SULLA TUA MAIL, OGNI GIORNO.

Le nostre ultime Video News!

LE NOTIZIE PIÙ RECENTI

You have successfully subscribed to the newsletter

There was an error while trying to send your request. Please try again.

Fintech Advisor will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing.