Vuoi richiedere una collaborazione con Fintech Advisor?

Ti piacerebbe pubblicizzare il tuo business su Fintech Advisor?

Sei un influencer e vorresti parlare di Fintech Advisor alla tua community.

Vuoi collaborare come editore oppure vuoi proporci una proposta di collaborazione?

Compila il modulo qui a lato e parlaci di te e della tua proposta!

Valuteremo la tua proposta e ti ricontatteremo nel giro di quale giorno.

14 + 11 =

changpeng-zhao:-buterin-‘ha-dimostrato-che-mi-sbagliavo’-e-la-defi-e-piena-di-bolle

Changpeng Zhao: Buterin ‘ha dimostrato che mi sbagliavo’ e la DeFi è piena di bolle

Set 24, 2020 | Blockchain, De-Fi, Fintech | 0 commenti

CZ è ottimista sulla DeFi ma rimane scettico circa le funzionalità di Ethereum 2.0.

La finanza decentralizzata è in pieno fermento, e uno dei suoi più grandi sostenitori sembra essere il noto crypto exchange Binance. Qualche giorno fa, la filiale statunitense della piattaforma ha aderito alla Chicago DeFi Alliance, con l’obiettivo di sviluppare ulteriormente il settore DeFi negli Stati Uniti. Inoltre, il supporto di Binance per nuovi progetti DeFi continua a crescere. Di recente, l’exchange ha dato prova di uno stretto legame con BurgerSwap, un nuovo exchange decentralizzato che si propone come una versione migliorata di Uniswap.

È evidente, Binance nutre un enorme interesse per la DeFi, ma occorre sottolineare che il CEO della compagnia, Changpeng Zhao, è da tempo ottimista sulla finanza decentralizzata. Cointelegraph ha avuto il piacere di parlare con CZ per saperne di più sul vero significato della DeFi, sui motivi per cui questo settore ha iniziato a decollare e su cosa possiamo aspettarci in futuro.

Cointelegraph: Innanzitutto, vorrei chiederti di spiegare cosa significa davvero la DeFi.

Changpeng Zhao: Ci sono un paio di interpretazioni diverse della DeFi. In origine, il termine rappresentava qualsiasi cosa legata alla finanza decentralizzata, quindi qualsiasi versione decentralizzata di servizi finanziari. Inizialmente, il termine riguardava per lo più prestiti o piattaforme di prestito decentralizzate.

Nei primi mesi di quest’anno, però, è successo qualcosa e la gente ha iniziato a fare staking di monete in pool di liquidità. Queste monete sono destinate ad essere utilizzate da un market maker automatizzato per fornire liquidità contro cui altra gente può fare trading. In questo modo, altri utenti possono sfruttare spread molto più bassi e ottenere un prezzo migliore quando comprano e vendono.

“Questo tipo di DeFi è davvero in voga al momento. Ma la competizione continua a intensificarsi man mano che i partecipanti fanno a gara per ottenere gli interessi più alti dai fornitori di liquidità. La gente sta escogitando strategie sempre più aggressive per farlo, inclusa l’emissione di nuove monete che agiscono da compensazione. Questa è la situazione attuale. Tuttavia, credo che le strutture degli incentivi che vediamo ora probabilmente non dureranno.”

CT: Perché la DeFi sta guadagnando popolarità ora?

CZ: Onestamente, ha iniziato a prendere slancio verso la fine dell’anno scorso o l’inizio di quest’anno. I market maker automatizzati usano un meccanismo di prezzatura che segue una curva. Mantengono un rapporto costante di asset differenti nella pool di liquidità. Questo tipo di curva nel market making automatizzato presenta un forte vantaggio, è molto trasparente. Se perdo denaro, so perché. Quindi, gli utenti rischiano comunque di perdere soldi, ma sanno esattamente il motivo per cui è successo. Non c’è molto spazio per imbrogliare.

Questo tipo di prezzatura funziona particolarmente bene con asset che aumentano o diminuiscono relativamente, come ad esempio le stablecoin, stabili per definizione. Oscillano leggermente in base alla domanda. Di conseguenza, si è formato un ottimo mercato per chi vuole convertire tra stablecoin.

CT: Qual è il rapporto tra Binance e la DeFi?

CZ: Anche se molte persone credono che questi tipi di progetti possano competere con o togliere liquidità agli exchange centralizzati, vogliamo comunque promuovere l’innovazione. Per questo motivo, Binance quota token DeFi con una certa aggressività.

Stiamo anche imparando dal modello DeFi, incorporando i suoi insegnamenti nel settore della finanza centralizzata. Al momento, su Binance.com abbiamo un prodotto di swap per la liquidità di Binance. Con questa iniziativa puntiamo agli utenti più inesperti che non vogliono gestire le proprie chiavi per paura di perderle. Offriamo un’interfaccia utente molto più semplice per consentire a questo genere di partecipante di sfruttare lo stesso tipo di meccanismo. Inoltre, abbiamo lanciato un terzo prodotto chiamato Binance Pool che sostanzialmente permette alla gente di fare staking con monete come BNB e ricevere tutti i nuovi incentivi e premi.

Sul versante decentralizzato, da più di un anno stiamo lavorando a Binance Smart Chain, uno smart contract compatibile con Ethereum. Dal punto di vista delle funzionalità, è compatibile al 100% con Ethereum. Per quanto riguarda la velocità, invece, è in realtà molto più veloce, cosa che aiuta a ridurre le commissioni elevate e il problema della congestione su Ethereum, dovuto in larga misura al grande traffico legato alla DeFi.

Binance Smart Chain è un altro strumento che stiamo mettendo a disposizione per consentire agli sviluppatori di lanciare progetti DeFi con estrema facilità. In pratica devono solo prendere il loro smart contract su Ethereum e fare copia-incolla. Di recente, abbiamo anche lanciato un fondo da 100 milioni di dollari per finanziare lo sviluppo nel settore DeFi. Fondamentalmente, vogliamo promuovere l’innovazione nella DeFi.

CT: Cosa ne pensi di Ethereum 2.0? Binance Smart Chain avrà un impatto sul nuovo sistema?

CZ: Ho davvero grandi speranze per Ethereum 2.0. Ho sottovalutato Vitalik con Ethereum 1.0. Quando mi ha parlato del progetto nel 2015 ho pensato, Sta facendo il passo più lungo della gamba. Ma con mia sorpresa, ha dimostrato che mi sbagliavo. È riuscito a lanciare Ethereum. Credo che il suo team e la comunità siano capaci di affrontare sfide tecniche molto complesse. E sono ottimi innovatori.

“Nonostante ciò, ritengo che Ethereum 2.0 sia veramente difficile da lanciare. È una di quelle cose che hanno bisogno di funzionalità complete e una flessibilità molto elevata. In più, deve poter essere eseguibile ad alta velocità su un laptop, e vuoi renderla decentralizzata. Questi problemi sono difficili da risolvere.”

Ethereum 1.0 ha compiuto la sua missione, dimostrare che può fare qualsiasi cosa, ma non fa niente bene. Per esempio, non ha una capacità elevata. Il mio background è sempre stato prendere la tecnologia e implementarla in diverse applicazioni. E quando queste applicazioni devono essere usate da un pubblico di consumatori enorme, devono poter scalare e avere una grande capacità. Sono sempre stato impegnato nella costruzione di sistemi ad alte prestazioni e ad alto rendimento. È questa la direzione originale di Binance Smart Chain. E ad essere onesto, Binance Smart Chain ha già una comunità dedicata al suo sviluppo.

Ho grandi speranze per Ethereum 2.0, ma credo che ci vorrà del tempo prima che venga lanciato. Leggendo la tabella di marcia di Ethereum 2.0, prima devono passare al mining PoS, e si tratta di un grande cambiamento. Se riescono a metterlo in atto quest’anno, è un grande passo avanti.

CT: Quindi, il settore DeFi è qui per restare, a differenza del boom e del crollo delle ICO che abbiamo vissuto nel 2017?

CZ: Guardando esclusivamente le ICO, è stato un boom e un crollo. Ma se consideriamo il concetto sottostante della raccolta fondi basata su blockchain, credo che quello sia sopravvissuto. Se nel 2016 mi avessi fatto una domanda sulla raccolta fondi su blockchain, avrei risposto che non avevo certezze sul suo futuro. Ma nel 2017, la raccolta fondi basata su blockchain è stata il fattore scatenante della bull run.

Qualsiasi settore emergente presenta in sequenza il concetto iniziale, seguito dall’interesse e dal successivo hype esagerato. Sì, sicuramente si stanno formando delle bolle, ma il concetto fondamentale della raccolta fondi su blockchain è ancora diffuso. Si è trasformato nelle IEO e in altre forme di fundraising. A mio avviso, le ICO ci hanno insegnato che è possibile raccogliere fondi sulla blockchain a livello globale, raggiungendo persone interessate a determinati progetti.

E anche se credo che gran parte dei progetti ICO si è rivelata fallimentare, ci sono stati alcuni progetti di successo, tra cui Binance. Abbiamo organizzato una ICO, e l’abbiamo usata per costruire una compagnia piuttosto solida. Ci sono diversi altri esempi vincenti. Penso che la DeFi rappresenti probabilmente una situazione simile.

“Ad esempio, vedo diverse bolle nel settore della finanza decentralizzata. Ci sono molti progetti che offrono solo promesse vuote. E molti progetti DeFi popolari per due settimane che in seguito vengono dimenticati. I concetti fondamentali del market making automatizzato e dello staking di monete per la liquidità rimarranno nel tempo, ma in modo molto meno stravagante. Credo che le cose si calmeranno, lasciando però spazio ad alcune innovazioni fondamentali.”

LEGGI L’ARTICOLO SU IT.COINTELEGRAPH.COM


IMPORTANTE: Questo articolo non è stato originariamente creato da Fintech Advisor e la sua proprietà intellettuale appartiene totalmente alla fonte originale.


Ogni testo, immagine, foto e così via è stato estratto direttamente e automaticamente dalla fonte originale attraverso il suo feed RSS

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News in Evidenza

LE MIGLIORI NOTIZIE DEL MONDO FINTECH DIRETTAMENTE SULLA TUA MAIL, OGNI GIORNO.

Le nostre ultime Video News!

LE NOTIZIE PIÙ RECENTI