Vuoi richiedere una collaborazione con Fintech Advisor?

Ti piacerebbe pubblicizzare il tuo business su Fintech Advisor?

Sei un influencer e vorresti parlare di Fintech Advisor alla tua community.

Vuoi collaborare come editore oppure vuoi proporci una proposta di collaborazione?

Compila il modulo qui a lato e parlaci di te e della tua proposta!

Valuteremo la tua proposta e ti ricontatteremo nel giro di quale giorno.

7 + 3 =

cina:-per-la-banca-centrale-bitcoin-e-un-investimento

Cina: per la banca centrale bitcoin è un investimento

Apr 19, 2021 | De-Fi, Mondo, Trading | 0 commenti

Il vice governatore della banca centrale della Cina, Li Bo, ha affermato senza mezzi termini che ritiene bitcoin un investimento alternativo. 

La fonte originale riferisce che il vice governatore della People’s Bank of China (PBOC) ha lanciato un segnale importante sugli asset crypto come bitcoin, dicendo che dovrebbero essere utilizzate come strumenti di investimento o investimenti alternativi.

Ieri Li Bo è intervenuto al Forum Boao per l’Asia, insieme all’ex governatore Zhou Xiaochuan, dicendo che gli asset crypto potrebbero svolgere un ruolo importante in futuro, proprio come investimento alternativo.

La fonte riferisce anche che:

“Molti paesi, compresa la Cina, lo stanno studiando anche come strumento di investimento”.

Li Bo ha detto di ritenere bitcoin un asset crypto, ovvero un’opzione di investimento e non una valuta. Inoltre lo ha definito esplicitamente “un investimento alternativo”.

A questo punto ha aggiunto che in qualità di strumento di investimento, molti paesi tra cui la stessa Cina stanno studiando un contesto normativo adatto ad inquadrare un tale investimento. 

Essendo Li Bo il vice governatore in carica della banca centrale cinese, queste sue parole stridono fortemente rispetto all’atteggiamento sempre contrario del governo a consentire ai cittadini di investire in bitcoin.

La Banca Centrale della Cina rimuoverà il ban a Bitcoin?

A questo punto non ci sarebbe da stupirsi qualora il governo cinese rimuovesse l’ormai anacronistico ban sugli investimenti in bitcoin, ed invece finisse per consentirli, pur all’interno di un nuovo quadro normativo.

D’altronde i rivali statunitensi stanno guadagnando molto grazie agli investimenti in BTC, pertanto è davvero strano che la Cina continui a voler vietare ai propri cittadini, ma soprattutto alle proprie imprese, di sfruttare questa opportunità.

Il ban sugli investimenti in bitcoin è attivo dal 2017, ovvero da prima che si innescasse l’ultima grande bolla speculativa, quando il prezzo di BTC era dodici volte inferiore a quello attuale. Tale ban ad oggi appare quanto meno inoppotuno, se non ormai completamente anacronistico.

The post Cina: per la banca centrale bitcoin è un investimento appeared first on The Cryptonomist.

LEGGI L’ARTICOLO SU CRYPTONOMIST.CH


IMPORTANTE: Questo articolo non è stato originariamente creato da Fintech Advisor e la sua proprietà intellettuale appartiene totalmente alla fonte originale.


Ogni testo, immagine, foto e così via è stato estratto direttamente e automaticamente dalla fonte originale attraverso il suo feed RSS

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News in Evidenza

LE MIGLIORI NOTIZIE DEL MONDO FINTECH DIRETTAMENTE SULLA TUA MAIL, OGNI GIORNO.

Le nostre ultime Video News!

LE NOTIZIE PIÙ RECENTI

You have successfully subscribed to the newsletter

There was an error while trying to send your request. Please try again.

Fintech Advisor will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing.