Vuoi richiedere una collaborazione con Fintech Advisor?

Ti piacerebbe pubblicizzare il tuo business su Fintech Advisor?

Sei un influencer e vorresti parlare di Fintech Advisor alla tua community.

Vuoi collaborare come editore oppure vuoi proporci una proposta di collaborazione?

Compila il modulo qui a lato e parlaci di te e della tua proposta!

Valuteremo la tua proposta e ti ricontatteremo nel giro di quale giorno.

10 + 13 =

gli-etf-su-ethereum-sono-qui:-anche-gli-usa-approveranno-fondi-su-btc-e-eth-nel-prossimo-futuro?

Gli ETF su Ethereum sono qui: anche gli USA approveranno fondi su BTC e ETH nel prossimo futuro?

Apr 25, 2021 | De-Fi, Trading | 0 commenti

Se da una parte Bitcoin potrebbe diventare oro 2.0, dall’altra i fondi basati su Ether offrirebbero agli investitori esposizione a una nuova utility technology

A differenza del suo vicino a sud che continua a procrastinare, sembra che il Canada stia dando la priorità ai crypto asset, come evidenziato di nuovo la scorsa settimana dal suo via libera normativo per tre nuovi exchange-traded fund basati su Ether (ETH), i primi in America del Nord.

Avere un ETF facilmente accessibile in Canada cambia il panorama competitivo,” ha spiegato a Cointelegraph Campbell Harvey, professore di commercio internazionale presso la Fuqua School of Business della Duke University. La Securities and Exchange Commission statunitense sarà presto sotto pressione per approvare un ETF basato su criptovalute, forse nel giro di qualche mese, sostiene Harvey.

È sempre più difficile giustificare l’esclusione delle crypto,” ha commentato. “Considera un investitore istituzionale che vuole un portafoglio ben diversificato. Ovviamente, questo portafoglio includerebbe nomi come Apple con 2.000 miliardi di dollari in capitalizzazione di mercato. Ma per quanto riguarda le crypto?

Il 17 aprile, Purpose Investments, Evolve ETFs e CI Global Asset Management hanno ricevuto l’approvazione dai regolatori canadesi per lanciare ETF su Ether. Nonostante siano stati accolti positivamente da gran parte del settore, questo evento solleva comunque alcuni interrogativi.

In che modo un Ether ETF si distingue da un ETF su Bitcoin (BTC)? Avrà lo stesso mercato target o lo stesso successo in termini di asset under management ottenuto dal Bitcoin ETF di Purpose, che sin dal suo lancio a febbraio ha attirato 1,23 miliardi di dollari canadesi? Quanto sono significativi gli ETF basati su crypto come classe: sono solo un punto intermedio nel percorso che porta all’adozione diffusa delle criptovalute e saranno in futuro sostituiti da offerte nella finanza decentralizzata?

Chris Kuiper, vicepresidente della società di analisi e ricerca CFRA, ha spiegato a Cointelegraph che gli investitori retail e istituzionali preferiscono fare investimenti crypto “in modo ponderato sul market cap,” per non cercare di azzeccare vincitori e perdenti. Quindi, un ETF per Ether, la seconda più grande criptovaluta, è un vantaggio e “consentirà loro di iniziare a creare questo portafoglio.

Tuttavia, BTC e ETH potrebbero proseguire in direzioni diverse, ha aggiunto Kuiper, ed eventualmente Ether potrebbe attirare un proprio gruppo target unico. In fondo, “molti investitori iniziano a considerare Bitcoin come il livello monetario base, o un oro 2.0 e persino un’alternativa agli asset di riserva delle tesorerie aziendali,” ha fatto notare Kuiper, spiegando che chi vede Bitcoin come la “riserva di valore definitiva vuole che il codice rimanga invariato e le transazioni rimangano lente”:

“I sostenitori di Ethereum, invece, pensano alla capacità di Ethereum per contratti programmabili, ovvero smart token, e per tutti i generi di applicazioni sviluppate sopra Ethereum. È un punto di vista molto diverso: questi investitori potrebbero non essere interessati a Bitcoin, ma soltanto all’esposizione a Ethereum come nuova piattaforma.”

Anche Som Seif, CEO di Purpose Investments, sembra vedere applicazioni potenzialmente più ampie per un Ether ETF. A suo parere si tratta di un modo per investire in una piattaforma tecnologica. Di recente ha commentato:

“Stiamo democratizzando l’accesso a Ether, rendendo il processo di possedere Ether più facile che mai. Crediamo che Ether sia pronto a continuare sulla sua traiettoria di crescita, sia come un’importante utility technology che come un asset di investimento sempre più adottato.”

Jeff Dorman, chief investment officer della società di gestione degli investimenti Arca, ha spiegato a Cointelegraph che la maggior parte degli investitori non comprende ancora Ethereum e ciò che lo distingue da Bitcoin. Detto ciò, ritiene che il mercato target per gli exchange-traded fund su BTC e ETH sia sostanzialmente lo stesso, ovvero “chi è più limitato nella sua capacità di comprare asset digitali direttamente.” Questo include consulenti finanziari e fondi con mandati azionari.

L’Ether ETF avrà lo stesso successo di quello su BTC?

Come accennato, il Purpose Bitcoin ETF è stato un enorme successo sotto quasi tutti i punti di vista. Ma un ETF su Ether attirerà una simile attenzione?

Kuiper prevede che anche l’Ether ETF di Purpose Investments “avrà successo in termini di asset accumulati, ma non mi aspetto che raggiungerà gli stessi livelli del Bitcoin ETF.” Bitcoin rimane la valuta principale del settore crypto: anche se di recente la sua dominance è diminuita, rappresenta ancora circa il 50% della capitalizzazione di mercato totale. Ether, al secondo posto, è ben distante con una quota di mercato solo del 14%. Secondo Kuiper, le stesse proporzioni potrebbero valere anche per i rispettivi ETF:

“Osservando cose come i trust di Grayscale negli USA, l’AUM per Bitcoin è oltre 40 miliardi di dollari, mentre ETH è a poco meno di 8 miliardi: circa un quinto. Quindi, mi aspetterei che l’AUM del Purpose Ethereum ETF raggiungerà probabilmente tra un quarto e un quinto della somma del Bitcoin ETF, ma questo andrebbe comunque considerato un successo.”

Scott Freeman, co-fondatore e partner di JST Capital, ha spiegato a Cointelegraph: “Il successo degli ETF su ETH non ci sorprenderebbe, ma ci aspettiamo che sia proporzionale al rapporto esistente tra i loro market cap.” Per quanto riguarda le attrattive di entrambi i tipi di ETF, Freeman ha sottolineato:

“Ci sono molti investitori che desiderano avere esposizione a BTC e altri crypto asset ma vogliono farlo attraverso il loro broker o gestore attuale. In altre parole, preferirebbero non usare un broker crypto, ed è qui che gli exchange traded fund basati su crypto possono aiutare.”

Anche Dorman prevede che gli Ether ETF otterranno buoni risultati, principalmente “perché il mondo azionario è affamato di esposizione ad asset digitali, e questo sarà un altro modo per ottenerla senza uscire dai flussi di lavoro dei broker e delle banche tradizionali.

I nuovi ETF metteranno la SEC sotto pressione?

La SEC sentirà l’urgenza di rispondere al Canada con approvazioni simili? “La SEC non deve fare nulla per quanto riguarda il Canada,” ha chiarito Kuiper, “ma credo che potrebbero sentire un po’ di pressione per rimanere competitivi e iniziare ad approvare, o almeno offrire più dettagli e guide su un Bitcoin ETF: ora hanno richieste da almeno otto diverse società di ETF.

Kathleen Moriarty, senior counsel presso Chapman and Cutler LLP, ha spiegato a Cointelegraph: “la SEC noterà di certo che il Canada ha quotato ETF su Bitcoin e Ethereum. Considerando che abbiamo relazioni con il Canada nel campo delle security, questo risuonerà più con la SEC di quanto potrebbe fare il listing di questi ETF in un paese con un nuovo mercato delle security.” Detto ciò, Moriarty ha aggiunto:

“La SEC non è al corrente di fatti, problemi e processi decisionali dei regolatori canadesi e si considera la principale autorità di regolamentazione globale sulle security. Quindi, non vorrà essere vista ad ‘approvare’ un nuovo prodotto basandosi sull’esempio di un altro regolatore.”

Harvey ha commentato: “in passato, la SEC si è opposta agli ETF principalmente perché temeva la manipolazione delle price feed da exchange di dubbia qualità. Credo che abbiamo abbastanza exchange liquidi e completamente regolamentati negli USA per mitigare queste preoccupazioni.” Questo fattore, combinato con un nuovo presidente dell’istituzione, Gary Gensler, che “comprende il settore, significa che probabilmente nel giro di qualche mese avremo ETF basati su crypto negli USA.

Tuttavia Gensler, che in passato ha tenuto un corso sulla blockchain al MIT, potrebbe avere altre priorità. “Gensler sarà molto impegnato con ESG [environmental, social and corporate governance], SPAC [special purpose acquisition companies] e problemi associati alla struttura di mercato. Risolvere problemi esistenti potrebbe essere più in alto nella sua lista di cose da fare rispetto a creare un nuovo complesso prodotto che rischia di causare problemi in futuro,” ha affermato Moriarty, che nel 2013 ha lavorato con CameronTyler Winklevoss alla prima proposta per un Bitcoin ETF presentata alla SEC, respinta dall’istituzione nel 2017.

Un’altra prospettiva condivisa con Cointelegraph da un esperto che ha preferito mantenere l’anonimato è che la SEC sta accogliendo con favore le quotazioni canadesi, in quanto ora può vedere “nella vita reale” come questi fondi crypto si comportano per davvero, se causano problemi e in che misura “l’esperienza cliente” è positiva.

Nella mia esperienza, le autorità di regolamentazione statunitensi non sono mai state influenzate dal Canada,” ha spiegato Dorman a Cointelegraph. “Gli ETF sono lontani ancora anni negli USA, perché molti dei problemi delineati dalla SEC nelle bocciature precedenti non sono stati risolti.

Un altro segno che le crypto sono qui per restare?

Tuttavia, da un punto di vista globale, le recenti approvazioni di Ether ETF in Canada possono essere viste come l’ennesima indicazione che le criptovalute stanno entrando nel mainstream finanziario?

Questo sviluppo conferma ulteriormente “che le criptovalute sono qui per restare,” ha affermato Kuiper, mentre “il mercato e l’infrastruttura continuano a espandersi.” Harvey ha commentato: “Le crypto sono mainstream ora. L’IPO di Coinbase è stata il punto di svolta. Vedremo sempre più ETF basati su altre monete.

Inoltre, Harvey ha approfondito l’impatto a lungo termine degli ETF: “Una ragione importante per cui finora gli investitori istituzionali sono stati alla larga dalle crypto è il problema della custodia. Non avevano un meccanismo per conservare le chiavi private. Non volevano assumersi il rischio di custodia. Gli ETF risolvono questi problemi.” Tuttavia, guardando al futuro la finanza decentralizzata potrebbe rendere questi fondi del tutto obsoleti. Come sottolineato da Harvey:

“Perché pagare le commissioni di un ETF quando puoi possedere facilmente il ‘fisico’? L’unico problema che deve essere risolto è quello della custodia, e la soluzione sembra in arrivo.”

Dorman concorda che il vantaggio principale di questi fondi è l’accesso fornito agli investitori che non possono comprare e custodire direttamente BTC e ETH. Per loro, “è un servizio valido finché le commissioni sono basse,” aggiungendo però questo avvertimento:

“Sostanzialmente, questi prodotti si rivolgono ai flussi di lavoro degli investitori tradizionali invece dell’opposto, ovvero aiutare gli investitori a comprendere e utilizzare i nuovi flussi di lavoro per possedere e custodire asset digitali. In futuro la maggior parte di questi fondi sarà obsoleta, ma per ora sono un ponte necessario.”

LEGGI L’ARTICOLO SU IT.COINTELEGRAPH.COM


IMPORTANTE: Questo articolo non è stato originariamente creato da Fintech Advisor e la sua proprietà intellettuale appartiene totalmente alla fonte originale.


Ogni testo, immagine, foto e così via è stato estratto direttamente e automaticamente dalla fonte originale attraverso il suo feed RSS

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News in Evidenza

LE MIGLIORI NOTIZIE DEL MONDO FINTECH DIRETTAMENTE SULLA TUA MAIL, OGNI GIORNO.

Le nostre ultime Video News!

LE NOTIZIE PIÙ RECENTI

You have successfully subscribed to the newsletter

There was an error while trying to send your request. Please try again.

Fintech Advisor will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing.