Vuoi richiedere una collaborazione con Fintech Advisor?

Ti piacerebbe pubblicizzare il tuo business su Fintech Advisor?

Sei un influencer e vorresti parlare di Fintech Advisor alla tua community.

Vuoi collaborare come editore oppure vuoi proporci una proposta di collaborazione?

Compila il modulo qui a lato e parlaci di te e della tua proposta!

Valuteremo la tua proposta e ti ricontatteremo nel giro di quale giorno.

4 + 6 =

gli-stati-uniti-sono-al-primo-posto-per-i-brevetti-blockchain

Gli Stati Uniti sono al primo posto per i brevetti blockchain

Set 21, 2020 | Blockchain, Mondo | 0 commenti

Ma la società con il maggior numero di brevetti non è nemmeno americana

Anche se la società cinese Alibaba ha finora depositato il maggior numero di brevetti quest’anno, gli Stati Uniti sono comunque in testa in veste di nazione con più brevetti blockchain, come segnala un report pubblicato il 17 settembre dalla società di consulenze per la proprietà intellettuale KISSPatent.

IBM e Alibaba detengono il maggior numero di brevetti blockchain. Alibaba ha depositato oltre 200 brevetti, mentre quelli di IBM ammontano a poco più di 100. Tuttavia, altre società statunitensi come Bank of America e Mastercard hanno presentato numerose richieste di brevetto, aumentando il totale del paese. Secondo KISSPatent, nella prima metà del 2020 sono stati depositati più brevetti blockchain rispetto a tutto il 2019.

Gli Stati Uniti hanno 2.112 brevetti, seguiti dalle Isole Cayman con 350 e dal Canada con 118. I restanti nelle prime sei posizioni sono il Giappone con 108, la Corea del Sud con 87 e la Cina con 77 brevetti. Le Isole Cayman sono al secondo posto in quanto le filiali di Alibaba, con sede in territorio d’oltremare britannico, hanno depositato questi brevetti.

Anche se diverse società cinesi vengono spesso rappresentate in varie classifiche relative ai brevetti blockchain, non tutte lavorano esclusivamente sulla blockchain. Secondo KISSPatent, queste compagnie dispongono di applicazioni blockchain come parte del proprio portafoglio di tecnologie. Il report spiega che la Cina ha depositato così tanti brevetti per evitare alcune sanzioni commerciali all’estero:

“Hanno imparato dall’esempio di Xiaomi, la ‘Apple cinese’, a cui era stato impedito di vendere i propri smartphone al di fuori della Cina, in quanto la svedese Ericsson deteneva così tanti brevetti.”

Fonte: KISSPatent

Fonte: KISSPatent 

La categoria più popolare di registrazione, che rappresenta metà di tutti i brevetti, sono applicazioni fintech. Queste includono applicazioni che utilizzano criptovalute e supportano l’archiviazione o lo scambio di criptovalute. Altre categorie popolari sono brevetti per piattaforme commerciali decentralizzate, soluzioni implementate su blockchain, servizi commerciali con una componente finanziaria e servizi sanitari e bancari tradizionali su blockchain.

Molti operatori del settore hanno espresso preoccupazione in merito alla situazione dei brevetti, e in risposta Square ha aiutato a lanciare la Cryptocurrency Open Patent Alliance. Il gruppo vuole democratizzare l’accesso a tecnologie innovative.

LEGGI L’ARTICOLO SU IT.COINTELEGRAPH.COM


IMPORTANTE: Questo articolo non è stato originariamente creato da Fintech Advisor e la sua proprietà intellettuale appartiene totalmente alla fonte originale.


Ogni testo, immagine, foto e così via è stato estratto direttamente e automaticamente dalla fonte originale attraverso il suo feed RSS

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News in Evidenza

LE MIGLIORI NOTIZIE DEL MONDO FINTECH DIRETTAMENTE SULLA TUA MAIL, OGNI GIORNO.

Le nostre ultime Video News!

LE NOTIZIE PIÙ RECENTI