Vuoi richiedere una collaborazione con Fintech Advisor?

Ti piacerebbe pubblicizzare il tuo business su Fintech Advisor?

Sei un influencer e vorresti parlare di Fintech Advisor alla tua community.

Vuoi collaborare come editore oppure vuoi proporci una proposta di collaborazione?

Compila il modulo qui a lato e parlaci di te e della tua proposta!

Valuteremo la tua proposta e ti ricontatteremo nel giro di quale giorno.

10 + 2 =

i-dati-delle-opzioni-su-bitcoin-indicano-che-18.500$-non-e-un-massimo-locale

I dati delle opzioni su Bitcoin indicano che 18.500$ non è un massimo locale

Nov 19, 2020 | Fintech, Trading | 0 commenti

I trader di BTC temono un crollo del 30% simile a quello avvenuto nel 2019, ma i dati delle opzioni suggeriscono che il rialzo non terminerà a 18.500$

Il 18 novembre, il prezzo di Bitcoin (BTC) ha raggiunto i 18.476$ dopo un’impressionante bull run del 35% che pare sia iniziata a inizio settembre.

A questo movimento fortemente positivo è seguita una correzione verso i 17.000$: un pullback naturale. Tale assestamento ha portato alcuni investitori a chiedersi se la formazione attuale assomigli al massimo di 13.850$ toccato a luglio 2019.

BTC/USD, luglio 2019
BTC/USD, luglio 2019. Fonte: TradingView

In quel periodo, un crollo del 30% ha accompagnato un rialzo di simile entità, e successivamente ci sono voluti 14 mesi prima che Bitcoin riconquistasse il livello dei 13.850$. Un crollo improvviso seguì il raggiungimento del massimo locale, ma il prezzo riuscì a riprendersi e stabilizzarsi in prossimità dei 12.800$.

Se dovesse succedere qualcosa di simile nella situazione attuale, gli investitori prevedono un minimo a 13.000$ per il ciclo in corso. Tralasciando un crollo improvviso in seguito a un forte rialzo, quali altri indicatori imitano la price action di luglio 2019?

Il primo passo è analizzare l’indicatore della base nei mercati future, che può essere interpretato come una stima dell’ottimismo tra gli investitori. La base è nota anche come “futures premium”, e misura il prezzo aggiuntivo dei contratti future a più lungo termine rispetto ai livelli spot attuali (sui mercati tradizionali).

I contratti future a tempo determinato vengono negoziati solitamente con un leggero premium, indicando che i venditori richiedono più soldi per posticipare il regolamento. Nei mercati sani, i future dovrebbero presentare un premium annuo del 5% o più, noto anche come contango.

Base annua dei future a 3 mesi su Bitcoin, luglio 2019
Base annua dei future a 3 mesi su Bitcoin, luglio 2019. Fonte: Skew

Il 23 giugno, i trader hanno espresso un ottimismo forse eccessivo, come segnala l’indicatore della base al 20%. Ad ogni modo, nel 2019 ha mantenuto livelli molto sani durante l’intera correzione del prezzo.

Il grafico riportato sopra può essere interpretato come un’assoluta riluttanza a ridurre posizioni long. Questo movimento si è verificato nonostante un crollo improvviso da 2.000$ seguito da una correzione del 30% dal punto massimo.

Stranamente, nemmeno la caduta del 30% in seguito al massimo di 13.850$ ha ridotto il premium dei contratti future. In genere, un ottimismo affievolito ha un notevole impatto sull’indicatore della base.

Tornando allo scenario attuale: lo stesso parametro non presenta nemmeno un caso di ottimismo eccessivo.

Base annua dei future a 3 mesi su Bitcoin, novembre 2020
Base annua dei future a 3 mesi su Bitcoin, novembre 2020. Fonte: Skew

Come mostra il grafico, l’indicatore della base è caduto rapidamente al di sotto del 10% subito dopo la formazione del massimo a 18.500$. Per distinguere ulteriormente la price action attuale da quella di luglio 2019, due settimane prima del picco precedente il premium dei future si trovava allo 0%, un chiaro segno di pessimismo tra i trader.

Questa volta, il livello più basso delle ultime due settimane è stato il 7%. Ciò significa che gli investitori hanno mantenuto aspettative positive negli ultimi due mesi, mentre a luglio 2019 il mercato ha affrontato una rapida e intensa frenesia ottimistica.

I trader di opzioni non erano molto rialzisti prima dell’aumento

Per valutare al meglio il sentiment di mercato, gli investitori dovrebbero prendere in considerazione anche gli spread nel mercato delle opzioni. L’indicatore 25% delta skew segna valori negativi quando le opzioni call (neutre/rialziste) sono più costose delle equivalenti opzioni put. Solitamente il parametro oscilla tra -20% e +20%, riflettendo l’attuale clima di mercato.

Indicatore 25% delta skew delle opzioni a 3 mesi su Bitcoin, luglio 2019. Fonte: Skew

Bitcoin ha tracciato una bull run dell’80% nelle tre settimane precedenti al massimo di 13.850$, ma il mercato delle opzioni è sembrato impreparato per questo avvenimento. In quei giorni, le opzioni call presentavano lo stesso premium dei put ribassisti.

Di conseguenza, possiamo concludere che i trader di opzioni stavano scontando la stessa probabilità di un forte oscillazione in una delle direzioni. Questa situazione non è stata rilevata di recente, come mostra l’indicatore 25% delta skew.

Indicatore 25% delta skew delle opzioni a 3 mesi su Bitcoin, novembre 2020
Indicatore 25% delta skew delle opzioni a 3 mesi su Bitcoin, novembre 2020. Fonte: Skew

Negli ultimi 30 giorni, questo parametro relativo al sentiment nel mercato delle opzioni ha segnalato un netto ottimismo. I trader sono restii a vendere protezione per movimenti positivi, portando l’indicatore skew a livelli record di -30%.

Dato che i trader professionisti esigono un notevole premium per le opzioni call rialziste, si può solo concludere che un improvviso crollo del prezzo non rientri nelle loro aspettative.

Nonostante ciò, non è saggio prendere decisioni basandosi esclusivamente sull’interpretazione di un singolo indicatore che suggerisce un forte ottimismo nel mercato delle opzioni. I trader di questi strumenti potrebbero essere stati colti di sorpresa ed è forse per questo motivo che non sono intenzionati ad aprire posizioni short.

I mercati di future e opzioni mostrano delle differenze sostanziali tra il massimo di luglio 2019 e la struttura di mercato attuale. Quindi, non ci sono segni di un possibile crollo del 30% nei prossimi giorni.

Le idee e le opinioni espresse in questo articolo appartengono unicamente all’autore e non riflettono necessariamente i punti di vista di Cointelegraph. Ogni investimento e operazione di trading comporta dei rischi. Dovresti condurre una ricerca propria quando prendi una decisione.

LEGGI L’ARTICOLO SU IT.COINTELEGRAPH.COM


IMPORTANTE: Questo articolo non è stato originariamente creato da Fintech Advisor e la sua proprietà intellettuale appartiene totalmente alla fonte originale.


Ogni testo, immagine, foto e così via è stato estratto direttamente e automaticamente dalla fonte originale attraverso il suo feed RSS

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News in Evidenza

LE MIGLIORI NOTIZIE DEL MONDO FINTECH DIRETTAMENTE SULLA TUA MAIL, OGNI GIORNO.

Le nostre ultime Video News!

LE NOTIZIE PIÙ RECENTI