Vuoi richiedere una collaborazione con Fintech Advisor?

Ti piacerebbe pubblicizzare il tuo business su Fintech Advisor?

Sei un influencer e vorresti parlare di Fintech Advisor alla tua community.

Vuoi collaborare come editore oppure vuoi proporci una proposta di collaborazione?

Compila il modulo qui a lato e parlaci di te e della tua proposta!

Valuteremo la tua proposta e ti ricontatteremo nel giro di quale giorno.

2 + 8 =

il-governo-venezuelano-ha-emesso-norme-relative-all’attivita-di-mining

Il governo venezuelano ha emesso norme relative all’attività di mining

Set 25, 2020 | Blockchain, Fintech, Mondo | 0 commenti

Verrà anche creato un “mining pool nazionale” a cui i miner venezuelani saranno obbligati a iscriversi, pena sanzioni non specificate

La Soprintendenza Nazionale per i Crypto Asset e le Attività Connesse (SUNACRIP) del Venezuela ha emesso il primo decreto che stabilisce regole ufficiali per tutte le attività di mining. Per poter ottenere una licenza, i miner dovranno soddisfare requisiti specifici.

La nuova legislazione è stata pubblicata nella “Gaceta Oficial” con la firma del capo della SUNACRIP, Joselit Ramirez. In essa si afferma che i residenti del Venezuela interessati all’attività di mining di Bitcoin (BTC) e di altre criptovalute devono richiedere una un’apposita licenza, così da entrare a far parte del cosiddetto “pool nazionale“.

Le norme appena approvate impongono ai cittadini di dichiarare la tipologia di attività che vorrebbero svolgere nel settore crypto, come il trading, l’importazione o l’utilizzo di attrezzature per il mining. Il governo rilascerà anche una licenza speciale per coloro che vogliono produrre hardware ASIC o costruire mining farm.

Per quanto riguarda il “pool nazionale”, il SUNACRIP lo definisce così:

“Un gruppo di miner riuniti in pool che si accordano per condividere i guadagni in proporzione al contributo apportato in termini di hash power. Essi costituiscono una società dal funzionamento simile a quello delle cooperative, e sono posti sotto la supervisione della Soprintendenza Nazionale per i Crypto Asset e le Attività Connesse (SUNACRIP)”

Il decreto stabilisce inoltre che la SUNACRIP “potrebbe” offrire benefit, incentivi e persino “esenzioni fiscali per incoraggiare i miner ad aderire al pool nazionale“. Tuttavia, se i miner venezuelani decidessero di non entrare a far parte di questo pool, potrebbero incorrere in sanzioni.

Il nuovo regolamento non chiarisce se il governo avrà l’autorità legale per bloccare le crypto minate all’interno del pool nazionale, o che tipo di sanzioni saranno imposte alle persone che fanno mining al di fuori di tale pool.

I miner dovrebbero presentare la richiesta per la licenza presso il Registro Onnicomprensivo dei Servizi con Cryptoasset, o RISEC, un sistema gestito dalla SUNACRIP.

Anche se il Venezuela è noto per avere una popolazione molto attiva nel settore del mining, il governo non sempre ha favorito tali attività.

Il ministro venezuelano dell’Habitat e dell’Edilizia Abitativa, Ildemaro Villarroel, ha recentemente annunciato che le operazioni di mining non saranno consentite in nessuna casa di proprietà statale o in nessun quartiere che faccia parte del progetto edilizio “Gran Misión Vivienda”.

LEGGI L’ARTICOLO SU IT.COINTELEGRAPH.COM


IMPORTANTE: Questo articolo non è stato originariamente creato da Fintech Advisor e la sua proprietà intellettuale appartiene totalmente alla fonte originale.


Ogni testo, immagine, foto e così via è stato estratto direttamente e automaticamente dalla fonte originale attraverso il suo feed RSS

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News in Evidenza

LE MIGLIORI NOTIZIE DEL MONDO FINTECH DIRETTAMENTE SULLA TUA MAIL, OGNI GIORNO.

Le nostre ultime Video News!

LE NOTIZIE PIÙ RECENTI