Vuoi richiedere una collaborazione con Fintech Advisor?

Ti piacerebbe pubblicizzare il tuo business su Fintech Advisor?

Sei un influencer e vorresti parlare di Fintech Advisor alla tua community.

Vuoi collaborare come editore oppure vuoi proporci una proposta di collaborazione?

Compila il modulo qui a lato e parlaci di te e della tua proposta!

Valuteremo la tua proposta e ti ricontatteremo nel giro di quale giorno.

3 + 15 =

parametri-chiave-di-bitcoin-mostrano-un-certo-nervosismo-fra-i-trader-professionisti

Parametri chiave di Bitcoin mostrano un certo nervosismo fra i trader professionisti

Nov 24, 2020 | Fintech, Trading | 0 commenti

Il prezzo di Bitcoin insegue i 19.000$, ma il rapporto tra posizioni long e short sui maggiori exchange segnala che fra i trader c’è prudenza

Questa settimana il prezzo di Bitcoin (BTC) è cresciuto fino a toccare il nuovo massimo degli ultimi 3 anni a quota 18.965 dollari: gli investitori ritengono che un nuovo massimo storico, sopra i 20.000 dollari, sia ormai una possibilità concreta.

Nonostante l’hype sui mercati abbia raggiunto livelli notevoli, i dati mostrano che alcuni investitori professionisti non sono certi che BTC possa resistere a questo livello di prezzo; inoltre, segnalano l‘assenza di FOMO fra i piccoli speculatori.

Bitcoin non è calato più del 5% dal 4 settembre ad oggi: negli ultimi 77 giorni l’asset digitale ha guadagnato l’84%. L’ultima volta che era stato osservato un tale andamento di prezzo era il 25 novembre 2019.

Coppia Bitcoin/USD su Bitstamp
Coppia Bitcoin/USD su Bitstamp. Fonte: TradingView

All’epoca BTC si apprezzò del 47%: da 6.900 a 10.150 dollari a metà di febbraio 2020, tutto in una finestra temporale di 86 giorni complessivi. Tuttavia, tale circostanza non è necessariamente destinata a ripetersi.

Guardiamo, ad esempio, i future: in genere, l’indicatore dovrebbe mostrare un prezzo premium annualizzato che va dal 3% al 10%.

Prezzo premium dei future BTC a 3 mesi, gennaio 2020
Premi dei future BTC a 3 mesi, gennaio 2020. Fonte: Skew

È importante sottolineare come i trader fossero disposti a pagare un ulteriore 20% annualizzato all’inizio dell’anno: questo è piuttosto insolito ed è un segnale di estremo ottimismo.

Questa volta, invece, l’indicatore è vicino al 10%. Pertanto, possiamo dedurre che le probabilità di ordini di vendita “a cascata” siano molto più basse.

Prezzo premium dei future BTC a 3 mesi
Prezzo premium dei future BTC a 3 mesi. Fonte: Skew

La mancanza di ottimismo potrebbe indicare scarsa sicurezza

I trader sono stati colti di sorpresa da questa insolita tendenza e i dati confermano la totale mancanza di sicurezza: il prezzo premium dei future BTC si trova attualmente in una zona rialzista.

Per valutare efficacemente se i trader professionisti abbiano mantenuto posizioni long durante il corso di questo rally, si dovrebbe monitorare il rapporto tra posizioni long e short presso i principali exchange.

Rapporto tra posizioni long e short dei top trader BTC su Huobi
Rapporto tra posizioni long e short dei top trader BTC su Huobi. Fonte: Huobi

Dai dati di Huobi possiamo vedere che i migliori trader hanno scelto di fare short quando Bitcoin ha superato i 16.000 dollari, il 16 novembre. Il 19 novembre, sono stati piazzati alcuni ordini al ribasso proprio mentre BTC non riusciva a oltrepassare la soglia resistenza dei 18.000 dollari. Ancora una volta, i trader sono stati veloci a chiudere le loro posizioni in perdita e sono al momento in pari. Pertanto, si può presumere che i professionisti abbiano cercato di indovinare un livello top locale, sebbene senza molta convinzione.

È interessante notare che i dati di Binance mostrano come i top trader applichino una strategia diversa, che però riflette ancora una volta una mancanza di fiducia, come dedurremo di seguito.

Rapporto tra posizioni long e short dei top trader BTC su Binance
Rapporto tra posizioni long e short dei top trader BTC su Binance. Fonte: Binance

Quando Bitcoin cresceva e superava i 16.000 dollari, i top trader di Binance hanno mantenuto posizioni long, ma poi si sono affrettati ad acquistare dopo che BTC ha superato 17.500 dollari.

Pur mantenendo una posizione rialzista, hanno ridotto significativamente l’esposizione mentre BTC cercava di raggiungere 18.000$ il 18 novembre.

Vale la pena notare che gli exchange raccolgono i dati dei top trader in modo diverso, in quanto ci sono diverse maniere per misurare l’esposizione netta dei clienti. Pertanto, qualsiasi confronto dovrebbe essere basato sulle variazioni percentuali invece che sui numeri assoluti.

In definitiva, i dati segnalano che c’è una certa indecisione o almeno una mancanza di forte convinzione tra i top trader. Quando il mercato invia segnali contrastanti, non c’è niente di male a stare fermi: questo è ciò che sembrano fare gli esperti.

I punti di vista e le opinioni espresse nel presente articolo sono esclusivamente ascrivibili all’autore e non riflettono necessariamente i punti di vista e le opinioni di Cointelegraph. Ogni scelta di investimento e di trading comporta dei rischi. Quando si prende una decisione di investimento, è necessario condurre delle ricerche personali.

LEGGI L’ARTICOLO SU IT.COINTELEGRAPH.COM


IMPORTANTE: Questo articolo non è stato originariamente creato da Fintech Advisor e la sua proprietà intellettuale appartiene totalmente alla fonte originale.


Ogni testo, immagine, foto e così via è stato estratto direttamente e automaticamente dalla fonte originale attraverso il suo feed RSS

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LE MIGLIORI NOTIZIE DEL MONDO FINTECH DIRETTAMENTE SULLA TUA MAIL, OGNI GIORNO.

Le nostre ultime Video News!

LE NOTIZIE PIÙ RECENTI

You have successfully subscribed to the newsletter

There was an error while trying to send your request. Please try again.

Fintech Advisor will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing.