Vuoi richiedere una collaborazione con Fintech Advisor?

Ti piacerebbe pubblicizzare il tuo business su Fintech Advisor?

Sei un influencer e vorresti parlare di Fintech Advisor alla tua community.

Vuoi collaborare come editore oppure vuoi proporci una proposta di collaborazione?

Compila il modulo qui a lato e parlaci di te e della tua proposta!

Valuteremo la tua proposta e ti ricontatteremo nel giro di quale giorno.

10 + 15 =

ripple-deposita-l’ennesimo-marchio-negli-stati-uniti

Ripple deposita l’ennesimo marchio negli Stati Uniti

Nov 15, 2020 | Mondo, Trading | 0 commenti

Ripple si rivolge ancora una volta all’USPTO, questa volta per il marchio “PayString”

Ripple, lo sviluppatore di vari prodotti basati su XRP, ha depositato l’ennesimo nuovo marchio presso il Patent and Trademark Office degli Stati Uniti, o USPTO.

Presentata il 6 novembre, la richiesta di registrazione per il marchio “PayString” offre poche informazioni relative all’attività o prodotto che verrà pubblicizzato sotto questo nome. In realtà, la descrizione del marchio è identica a quella usata da Ripple per la registrazione di “Ripplenet” diversi mesi fa.

Secondo questa descrizione, PayString copre diverse categorie di servizi finanziari elettronici: l’uso di valute fiat e digitali per le rimesse e i regali; la ricezione e l’erogazione di pagamenti elettronici in valute fiat e digitali; servizi di cambio per valute fiat e digitali; servizi di verifica per transazioni finanziarie; servizi di amministrazione e gestione finanziaria per la trasmissione di valute digitali attraverso reti di comunicazione elettroniche.

Ad agosto, Ripple ha presentato altre due richieste di registrazione presso l’USPTO con le stesse descrizioni utilizzate per Ripplenet e PayString. La domanda per un altro marchio, Ripple Impact, ne indicava le finalità come soluzione dedicata a servizi per fondazioni di beneficenza.

Mentre la compagnia si impegna a registrare nuovi marchi negli Stati Uniti, questa settimana è riemersa una controversia di vecchia data. Il noto trader e analista Peter Brandt ha affermato che l’autorità di regolamentazione per le security statunitense, la Securities and Exchange Commission, avrebbe dichiarato XRP una security se solo “comprendesse le crypto”:

“XRP sarebbe stato dichiarato una security se la SEC comprendesse le criptovalute. Questo è un classico caso di manipolazione del mercato per mano di un investitore.”

LEGGI L’ARTICOLO SU IT.COINTELEGRAPH.COM


IMPORTANTE: Questo articolo non è stato originariamente creato da Fintech Advisor e la sua proprietà intellettuale appartiene totalmente alla fonte originale.


Ogni testo, immagine, foto e così via è stato estratto direttamente e automaticamente dalla fonte originale attraverso il suo feed RSS

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News in Evidenza

LE MIGLIORI NOTIZIE DEL MONDO FINTECH DIRETTAMENTE SULLA TUA MAIL, OGNI GIORNO.

Le nostre ultime Video News!

LE NOTIZIE PIÙ RECENTI

GTV su Crowdfundme

GLOBAL TECH VENTURES (GTV) è una Holding di Investimenti che garantisce l’accesso esclusivo a co-investimenti nel Tech e nel Digitale a fianco di...

leggi tutto