Vuoi richiedere una collaborazione con Fintech Advisor?

Ti piacerebbe pubblicizzare il tuo business su Fintech Advisor?

Sei un influencer e vorresti parlare di Fintech Advisor alla tua community.

Vuoi collaborare come editore oppure vuoi proporci una proposta di collaborazione?

Compila il modulo qui a lato e parlaci di te e della tua proposta!

Valuteremo la tua proposta e ti ricontatteremo nel giro di quale giorno.

14 + 6 =

sec:-le-vendite-di-xrp-da-parte-di-ripple-hanno-fatto-crollare-il-prezzo-della-moneta

SEC: le vendite di XRP da parte di Ripple hanno fatto crollare il prezzo della moneta

Feb 22, 2021 | De-Fi, Trading | 0 commenti

La SEC sostiene che i dirigenti di Ripple abbiano ingannato gli investitori e manipolato il prezzo di XRP creando un “vuoto informativo”

La Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti ha affermato che i dirigenti di Ripple Labs, Bradley Garlinghouse e Christian Larsen, hanno manipolato il prezzo di XRP, aumentando o restringendo le loro vendite di monete a seconda delle condizioni di mercato.

Nella citazione modificata depositata il 18 febbraio, la U.S. Securities and Exchange Commission ha ribadito la sua posizione: Ripple Labs, Christian Larsen e Brad Garlinghouse hanno violato le leggi sui titoli con la vendita di XRP a partire dal 2013.

“Da almeno il 2013 ad oggi, gli imputati hanno venduto oltre 14,6 miliardi di unità di un titolo digitale chiamato “XRP”, in cambio di contanti o altro per un valore di oltre 1,38 miliardi di dollari statunitensi (“USD”), per finanziare le operazioni di Ripple e arricchire Larsen e Garlinghouse”.

La denuncia sostiene che già nel 2012 Ripple avesse ricevuto un parere legale secondo cui la sua moneta poteva rappresentare un’offerta di titoli, ma ha scelto di ignorarlo. Almeno da un punto di vista finanziario, la strategia ha funzionato: Ripple che ha raccolto “almeno 1,38 miliardi di dollari” negli anni successivi.

La denuncia sostiene che Larsen e Garlinghouse hanno poi tratto profitto per 600 milioni di dollari dalle loro vendite non registrate di XRP. La SEC nota che queste vendite hanno avuto luogo mentre Garlinghouse ha ripetutamente affermato che era “molto long” su XRP, suggerendo che gli investitori sono stati ingannati mentre Garlinghouse e Larsen hanno incassato:

“Ripple ha creato un vuoto informativo tale che Ripple e i due insider con il maggior controllo su di essa, Larsen e Garlinghouse, potevano vendere XRP in un mercato che possedeva solo le informazioni che gli imputati hanno scelto di condividere.”

La denuncia descrive un caso nel 2015 in cui uno dei market maker di Ripple, che ha anche pagato in XRP, ha temporaneamente fermato la vendita degli XRP di Garlinghouse e Larsen perché il prezzo della moneta era già in calo.

Secondo la documentazione depositata, Larsen avrebbe chiesto al market maker di “tenere [le vendite] in pausa per ora” e “aspettare fino a quando [il] mercato non si fosse ripreso da questo errore“.

Nel 2016 avvenne un incidente simile: gli imputati sono stati costretti a rivedere i loro obiettivi di vendita nella speranza di poter “stabilizzare e/o aumentare” il prezzo di XRP, che era in difficoltà. Larsen e Garlinghouse hanno accettato di ridurre il tasso delle loro vendite di XRP, ma Garlinghouse che ha aggiunto che lui era “incline ad essere più aggressivo quando lo facciamo.

La SEC nota che l’asimmetria informativa” creata dagli imputati esiste ancora, permettendo loro di continuare a vendere XRP con un “rischio sostanziale per gli investitori“.

Il general counsel di Ripple, Stuart Alderoty, si è detto deluso dal tardivo tentativo della SEC di agire contro Ripple Labs dopo anni di inattività. Il 18 febbraio, Alderoty ha detto che l’ultima denuncia modificata non ha sollevato nulla di nuovo, ribadendo che rimane solo una questione legale da risolvere. Alderoty ha twittato:

“Come molti di voi hanno visto, la SEC ha modificato la denuncia contro di noi oggi. L’unica questione legale rimane: certe distribuzioni di XRP hanno costituito un contratto di investimento? Sono deluso dal fatto che la SEC abbia bisogno di provare ad ‘aggiustare’ la loro denuncia dopo aver aspettato anni per presentarla davanti ad un giudice…”

Nel 2020, l’ex presidente della Commodity Futures Trading Commission Chris Giancarlo ha sostenuto che XRP non dovrebbe essere considerato un’offerta di titoli, in quanto non rientrava nei criteri stabiliti dall’Howey test.

Giancarlo aveva precedentemente dichiarato che né Bitcoin (BTC) né Ether (ETH) fossero offerte di titoli, guadagnandosi il soprannome di “Crypto Dad” nella community.

Tuttavia potrebbe anche esserci un conflitto di interessi nella vicenda. Come riportato all’epoca da Forbes, lo studio legale che Giancarlo rappresentava, Willkie Farr & Gallagher LLP, agiva anche come consulente legale di Ripple. L’articolo sostiene che la valutazione di Giancarlo, secondo cui XRP non è un titolo, “si basava anche su alcune informazioni fattuali fornite da Ripple“.

LEGGI L’ARTICOLO SU IT.COINTELEGRAPH.COM


IMPORTANTE: Questo articolo non è stato originariamente creato da Fintech Advisor e la sua proprietà intellettuale appartiene totalmente alla fonte originale.


Ogni testo, immagine, foto e così via è stato estratto direttamente e automaticamente dalla fonte originale attraverso il suo feed RSS

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News in Evidenza

LE MIGLIORI NOTIZIE DEL MONDO FINTECH DIRETTAMENTE SULLA TUA MAIL, OGNI GIORNO.

Le nostre ultime Video News!

LE NOTIZIE PIÙ RECENTI

GTV su Crowdfundme

GLOBAL TECH VENTURES (GTV) è una Holding di Investimenti che garantisce l’accesso esclusivo a co-investimenti nel Tech e nel Digitale a fianco di...

leggi tutto