Vuoi richiedere una collaborazione con Fintech Advisor?

Ti piacerebbe pubblicizzare il tuo business su Fintech Advisor?

Sei un influencer e vorresti parlare di Fintech Advisor alla tua community.

Vuoi collaborare come editore oppure vuoi proporci una proposta di collaborazione?

Compila il modulo qui a lato e parlaci di te e della tua proposta!

Valuteremo la tua proposta e ti ricontatteremo nel giro di quale giorno.

10 + 3 =

svizzera:-il-cantone-ticino-accettera-pagamenti-in-bitcoin

Svizzera: il Cantone Ticino accetterà pagamenti in Bitcoin

Apr 13, 2021 | Blockchain, Fintech | 0 commenti

Un nuovo progetto pilota permetterà ai cittadini del Ticino di pagare in Bitcoin per alcuni servizi dell’amministrazione cantonale

Il Cantone Ticino, in Svizzera, accetterà Bitcoin: il Gran Consiglio ha approvato — con 48 voti a favore, 36 contrari e 3 astenuti — il progetto pilota che consentirà ai cittadini di effettuare pagamenti verso lo Stato utilizzando BTC: la criptovaluta sarà immediatamente convertita in franchi al momento della transazione.

In altre parole, d’ora in avanti la popolazione potrà usufruire di alcuni servizi dell’amministrazione cantonale pagando in Bitcoin, ma solo laddove era già possibile pagare con carte di credito. Escluso tuttavia il pagamento delle imposte, come invece già avviene nel Canton Zugo.

Natalia Ferrara, relatrice del rapporto di maggioranza, ha evidenziato la necessità di adottare tempestivamente queste tecnologie per non farsi trovare impreparati:

“Dobbiamo intervenire oggi per farci trovare pronti domani a un fenomeno inarrestabile come la digitalizzazione. Non farci travolgere dal progresso.”

Il relatore di minoranza Ivo Durisch ha invece aspramente criticato Bitcoin, sottolineando che questo asset presenta numerosi svantaggi: elevato consumo energetico, mancanza di trasparenza, rischio di evasione fiscale e riciclaggio di denaro, nonché il fatto che BTC sia un asset deflazionario in mano a pochi. Per tali motivi, a suo parere il Cantone Ticino non dovrebbe farsi promotore della criptovaluta.

Paolo Pamini, il primo firmatario della mozione lanciata nel 2017, ha spiegato che l’introduzione di questo servizio avrà costi “irrisori” per il Cantone, in quanto si tratta di una semplice estensione della piattaforma di pagamento eServices.

La città di Zugo aveva introdotto la possibilità di pagare per i servizi pubblici utilizzando Bitcoin già nel lontano 2016, imponendo tuttavia un limite di 200 franchi. A gennaio dello scorso anno, la città svizzera di Zermatt ha annunciato che i contribuenti potranno pagare le loro tasse in BTC.

LEGGI L’ARTICOLO SU IT.COINTELEGRAPH.COM


IMPORTANTE: Questo articolo non è stato originariamente creato da Fintech Advisor e la sua proprietà intellettuale appartiene totalmente alla fonte originale.


Ogni testo, immagine, foto e così via è stato estratto direttamente e automaticamente dalla fonte originale attraverso il suo feed RSS

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News in Evidenza

LE MIGLIORI NOTIZIE DEL MONDO FINTECH DIRETTAMENTE SULLA TUA MAIL, OGNI GIORNO.

Le nostre ultime Video News!

LE NOTIZIE PIÙ RECENTI

You have successfully subscribed to the newsletter

There was an error while trying to send your request. Please try again.

Fintech Advisor will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing.