Vuoi richiedere una collaborazione con Fintech Advisor?

Ti piacerebbe pubblicizzare il tuo business su Fintech Advisor?

Sei un influencer e vorresti parlare di Fintech Advisor alla tua community.

Vuoi collaborare come editore oppure vuoi proporci una proposta di collaborazione?

Compila il modulo qui a lato e parlaci di te e della tua proposta!

Valuteremo la tua proposta e ti ricontatteremo nel giro di quale giorno.

15 + 4 =

una-cascata-di-liquidazioni-ha-fatto-precipitare-bitcoin-del-16%-in-24-ore

Una cascata di liquidazioni ha fatto precipitare Bitcoin del 16% in 24 ore

Nov 27, 2020 | Blockchain, Fintech | 0 commenti

Bitcoin è crollato fino a toccare i 16.334$ sui principali exchange a causa della forte volatilità generata da liquidazioni a cascata

Il 26 novembre, il prezzo di Bitcoin (BTC) è crollato di un incredibile 16% fino a 16.334$, dopo aver raggiunto il suo picco a 19.484$ il giorno precedente. I dati suggeriscono che liquidazioni a cascata siano state la causa principale dell’enorme correzione.

Prima del pullback, l’open interest nel mercato dei future su Bitcoin ha stabilito un nuovo record. Inoltre il mercato dei derivati era sovraffollato di compratori, creando una polarizzazione dal lato dei rialzisti.

Volumi dei future su BTC
Volumi dei future su BTC. Fonte: Cointelegraph Markets, Digital Assets Data

La combinazione dei due fattori ha provocato una rapida contrazione in BTC accompagnata da un picco del volume di trading nel mercato dei future.

Oltre un miliardo di dollari in contratti future sono stati liquidati, uno scenario simile al crollo del 12 marzo. Il Chicago Mercantile Exchange, ad esempio, ha registrato 1,8 miliardi di dollari in volume, la cifra più alta di sempre secondo Skew.

Cosa ha causato la cascata di liquidazioni?

Quando il prezzo di Bitcoin ha iniziato a calare, gli afflussi verso gli exchange sono aumentati. Questo indica che le whale, o investitori ad alto patrimonio netto, stavano vendendo aggressivamente sui principali exchange, incluso Coinbase.

Indicatore All Bitcoin Exchange Inflow Mean
Indicatore All Bitcoin Exchange Inflow Mean. Fonte: CryptoQuant

Ki Young Ju, il CEO di CryptoQuant, ha segnalato che l’indicatore All Exchanges Inflow Mean stava mostrando la pressione di vendita in arrivo dalle whale.

Inizialmente, il sell-off da parte delle whale ha spinto BTC a circa 18.000$. Tuttavia, a causa del numero probabilmente elevato di contratti long sovraindebitati, la flessione del prezzo ha portato a un enorme long squeeze.

Nel giro di qualche ora Bitcoin è precipitato fino a toccare i 16.334$, tracciando un crollo simile al Black Thursday di marzo. I dati suggeriscono che quasi 1,9 miliardi di dollari in contratti future siano stati liquidati nelle ultime 24 ore.

Secondo Glassnode, una società di analisi on-chain, Binance Futures ha registrato i picchi di liquidazioni più alti tra gli exchange, per un totale di 425 milioni di dollari in solo due ore, alle 4 e alle 9.

“Liquidazioni orarie di posizioni long su #Binance: -262 milioni di dollari alle 4 am, -163 milioni di dollari alle 9 am.”

Enormi oscillazioni del prezzo in seguito a leggeri pullback iniziali sono prevedibili in presenza di funding rate elevati. Sin dai primi giorni di novembre il mercato è stato prevalentemente long su BTC, aumentando il rischio di una forte correzione,

Come sottolineato il giorno prima del crollo da Brian Kelly, trader di CNBC Fast Money, i funding rate dei contratti future perpetui su Bitcoin erano in aumento, commentando:

 “Stiamo iniziando a vedere i trader retail entrare nel mercato e i tassi d’interesse per il trading con margine salire notevolmente.”

Cosa succede ora?

Il crollo di BTC ha distrutto gli order book dei principali exchange, e il mercato delle criptovalute ha visto un’enorme correzione complessiva.

Ci sono tre potenziali scenari per Bitcoin nel breve termine. Primo, potrebbe riprendersi con relativa rapidità tornando a 18.000$. Secondo, potrebbe continuare a scendere verso la prossima zona di supporto a 13.700$. Terzo, potrebbe rimanere all’interno di un range, consentendo al mercato dei derivati di stabilizzarsi.

Tuttavia, c’è un parametro preoccupante. Glassnode ha rivelato che il numero di whale di Bitcoin ha raggiunto un nuovo massimo storico.

Questo significa che il mercato presenta ancora una potenziale pressione di vendita significativa derivante dagli investitori ad alto patrimonio netto. Il 25 novembre, gli analisti di Glassnode hanno segnalato:

“Il numero di whale di Bitcoin (entità che possiedono almeno 1.000 BTC) ha raggiunto un nuovo ATH dopo più di 4 anni. Un’entità si riferisce a un cluster di indirizzi sul network controllati dallo stesso individuo/istituzione.”

Basandosi su diversi fattori fondamentali e tecnici, Brian Kelly aveva previsto un pullback a breve termine nel mercato di Bitcoin dopo l’arrivo del crypto asset a 19.000$. Nonostante ciò, ha precisato di essere fortemente ottimista per il futuro:

“Sono ancora un Bitcoin Bull. Negli anni a venire, resterà un rialzista per il prossimo decennio. Tuttavia, se tolgo il mio cappello da investitore a lungo termine e indosso quello da hedge fund trader a breve termine, ci sono un paio di cose che sto iniziando a vedere come segni di un massimo.”

LEGGI L’ARTICOLO SU IT.COINTELEGRAPH.COM


IMPORTANTE: Questo articolo non è stato originariamente creato da Fintech Advisor e la sua proprietà intellettuale appartiene totalmente alla fonte originale.


Ogni testo, immagine, foto e così via è stato estratto direttamente e automaticamente dalla fonte originale attraverso il suo feed RSS

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News in Evidenza

LE MIGLIORI NOTIZIE DEL MONDO FINTECH DIRETTAMENTE SULLA TUA MAIL, OGNI GIORNO.

Le nostre ultime Video News!

LE NOTIZIE PIÙ RECENTI

GTV su Crowdfundme

GLOBAL TECH VENTURES (GTV) è una Holding di Investimenti che garantisce l’accesso esclusivo a co-investimenti nel Tech e nel Digitale a fianco di...

leggi tutto