Vuoi richiedere una collaborazione con Fintech Advisor?

Ti piacerebbe pubblicizzare il tuo business su Fintech Advisor?

Sei un influencer e vorresti parlare di Fintech Advisor alla tua community.

Vuoi collaborare come editore oppure vuoi proporci una proposta di collaborazione?

Compila il modulo qui a lato e parlaci di te e della tua proposta!

Valuteremo la tua proposta e ti ricontatteremo nel giro di quale giorno.

2 + 14 =

una-nuova-proposta-di-legge-spagnola-potrebbe-complicare-l’uso-delle-crypto-nel-paese

Una nuova proposta di legge spagnola potrebbe complicare l’uso delle crypto nel Paese

Ott 15, 2020 | Fintech, Mondo | 0 commenti

Il disegno di legge, proposto allo scopo di combattere i reati tributari, ha delle conseguenze anche per chi detiene crypto

Come riportato dai colleghi di Cointelegraph Spagna, il parlamento iberico sta discutendo in merito a nuova proposta di legge che ha lo scopo di ridurre i reati tributari. Ciò potrebbe comportare dei limiti alle transazioni commerciali in contanti nonché l’obbligo di segnalare gli asset digitali detenuti, anche in caso di criptovalute scambiate a livello internazionale.

Secondo un briefing del 13 ottobre del Ministro delle Finanze spagnolo, María Jesús Montero, il “Disegno di legge sulle misure per prevenire e combattere la frode fiscale” ha recentemente ricevuto il via libera dal Consiglio dei Ministri.

Quando nel 2017 le crypto hanno cominciato ad assumere un ruolo di primo piano a livello mondiale, alcuni Paesi hanno iniziato a intensificare le misure di controllo fiscale nel tentativo di recuperare la loro quota di utili realizzati in questo settore. La nuova proposta di legge spagnola impone ai cittadini di segnalare qualsiasi utilizzo o detenzione di asset digitali, anche se tale uso include criptovalute detenute o scambiate al di fuori della Spagna.

Il disegno di legge vieta anche tutte le transazioni in contanti superiori a 1.000 euro, un livello ben inferiore al precedente limite di 2.500 euro. Come dettagliatamente riportato da Cointelegraph, quest’ultimo importo rimane comunque in vigore per le transazioni non commerciali tra persone fisiche. Qualsiasi pagamento commerciale superiore ai 1.000 euro deve invece avvenire in forma elettronica: qualora le Central Bank Digital Currency dovessero diventare una realtà, la tracciabilità finanziaria diverrebbe ancora più semplice per i governi, con una conseguente riduzione della privacy e della libertà dei cittadini.

Una recente iniziativa ha visto la distribuzione di 1 euro in crypto ad ognuno dei 350 membri del Congresso dei Deputati spagnolo: la piccola somma è stata inviata nel tentativo di aumentare la consapevolezza dei legislatori in merito a questa tecnologia emergente.

LEGGI L’ARTICOLO SU IT.COINTELEGRAPH.COM


IMPORTANTE: Questo articolo non è stato originariamente creato da Fintech Advisor e la sua proprietà intellettuale appartiene totalmente alla fonte originale.


Ogni testo, immagine, foto e così via è stato estratto direttamente e automaticamente dalla fonte originale attraverso il suo feed RSS

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News in Evidenza

LE MIGLIORI NOTIZIE DEL MONDO FINTECH DIRETTAMENTE SULLA TUA MAIL, OGNI GIORNO.

Le nostre ultime Video News!

LE NOTIZIE PIÙ RECENTI