Vuoi richiedere una collaborazione con Fintech Advisor?

Ti piacerebbe pubblicizzare il tuo business su Fintech Advisor?

Sei un influencer e vorresti parlare di Fintech Advisor alla tua community.

Vuoi collaborare come editore oppure vuoi proporci una proposta di collaborazione?

Compila il modulo qui a lato e parlaci di te e della tua proposta!

Valuteremo la tua proposta e ti ricontatteremo nel giro di quale giorno.

5 + 8 =

viaggi-nella-blockchain:-charlie-lee-della-litecoin-foundation

Viaggi nella Blockchain: Charlie Lee della Litecoin Foundation

Ago 3, 2020 | Blockchain, Fintech | 0 commenti

La storia di Charlie Lee, ideatore di Litecoin: dal collegio in New Jersey alla creazione di una delle più importanti criptovalute del settore

“Lasciare Google è stato un po’ da pazzi”

Charlie Lee era un ingegnere del software per YouTube, piattaforma entrata a far parte della compagnia tecnologica più importante al mondo. Amava l’atmosfera da start-up: “Hai la possibilità di lavorare su cose nuove davvero fantastiche, sapendo allo stesso tempo che è una start-up con un successo garantito”. Qualsiasi cosa lanci Google, spiega, ottiene milioni di utenti nella prima giornata.

Il campus di Google era a soli cinque minuti di macchina dalla casa di Lee, e la compagnia offriva uno stipendio fenomenale, benefici eccellenti e un notevole schema di incentivi in azioni per completare il pacchetto retributivo.

Ma la possibilità di unirsi a un giovane exchange di criptovalute con sede a San Francisco attirò l’interesse di Lee. Era a più di un’ora di viaggio, con stipendio e benefici per niente vicini a quelli offerti da Google. Nonostante ciò, Lee decise che dopo sei anni di lavoro in una compagnia enorme, era giunto il momento di provare qualcosa di nuovo.

Ho deciso di farlo perché ero entusiasta di lavorare sulle crypto a tempo pieno.

Scoprì Bitcoin nel 2011

Anche se da allora ha ottenuto una certa notorietà per aver venduto i suoi fondi in Litecoin all’apice della frenesia di mercato del 2017, Lee ha vissuto sulla propria pelle l’esperienza di comprare un asset quando il prezzo ha raggiunto un picco. Ha infatti iniziato a interessarsi alle crypto nel 2011, dopo aver scoperto Bitcoin e la sua caratteristica volatilità. Lee ha comprato alcuni BTC al picco locale di 30$, e si è dedicato a studiare tutto ciò che poteva su questa tecnologia.

Poco dopo il suo investimento iniziale, ha osservato il prezzo crollare a due dollari, ma ha continuato con la sua nuova passione.

Durante il periodo con Google, Lee ha trascorso buona parte del suo tempo libero su forum legati a Bitcoin. Armeggiando con la tecnologia, ha aiutato a sviluppare una altcoin chiamata Fairbrix. La tecnologia si basava su Tenebrix, una criptovaluta che usava l’algoritmo Scrypto per il mining con CPU. Le potenti GPU avevano reso il mining di Bitcoin con CPU non redditizio, quindi Tenebrix era diventata un’alternativa attraente per i miner.

Tuttavia, Tenebrix presentava un problema fin troppo familiare: sette milioni di monete erano state pre-minate ed erano in possesso del suo creatore anonimo, che aveva giustificato tale scelta sostenendo che tali monete sarebbero essenzialmente servite come strumento per il riciclaggio di denaro:

“Dopo avergli inviato le monete, lui avrebbe restituito monete pulite prese dai sette milioni del pre-mine. Doveva essere un servizio per pulire le tue monete, ma chi può sapere se è ciò che succede davvero. In pratica aveva sette milioni di monete che poteva buttare sul mercato per una exit scam quando voleva.”

Lee ha spinto per rilanciare Tenebrix senza pre-mine, chiamando la nuova soluzione Fairbrix. Si basava su un fork complicato con diversi bug e un sacco di problemi al lancio, spiega. “Fairbrix ha avuto un pessimo inizio e non è andata bene”.

In seguito al fallimento di Fairbrix, Lee ha deciso di creare un’altra moneta, ma questa volta di farlo “nel modo giusto”. Ha usato la base collaudata del codice di Bitcoin, cercando di mantenere tutto il più simile possibile a BTC. Litecoin cambiava soltanto alcuni parametri, migliorando la funzionalità e la velocità oltre ad aggiungere il mining con Scrypt.

Non era chiaro se la nuova moneta avrebbe avuto successo, commenta Lee, in quanto era solo una tra le dozzine di nuove monete. Ma lo slogan “l’argento per l’oro di Bitcoin” ha catturato l’interesse della comunità. La possibilità di fare mining con CPU ha aiutato ad avviare il network. Praticamente chiunque poteva fare mining con CPU, dice, e questo ha supportato l’adozione iniziale.

Quando più tardi emersero i dispositivi ASIC per il mining di Bitcoin, iniziando così a dominare l’hash rate del network, il tempismo si è rivelato di nuovo fortuito per Litecoin. Proprio mentre i miner iniziarono a usare gli ASIC per BTC, “tutte le GPU dedicate prima al mining di Bitcoin sono passate a Litecoin”. Quindi, molti ex miner di Bitcoin sono migrati verso il network alternativo. “Era nel posto giusto al momento giusto”.

Nel 2013, Lee si è trovato completamente immerso nelle crypto, passando da ciò che era prima un semplice progetto open-source per passione allo sviluppo di soluzioni in un settore in rapida crescita. “Quindi, ho deciso di provare a capire cosa volevo fare nel campo delle crypto”.

Lee scrisse una lettera a Coinbase chiedendo se avrebbero supportato il crescente network di Litecoin. La compagnia rispose insistendo che l’attenzione sarebbe rimasta su Bitcoin per il momento, con un possibile supporto per Litecoin in futuro. La conversazione si è comunque rivelata fruttuosa, in quanto Coinbase ha espresso la necessità di ingegneri e poco dopo ha assunto Lee.

E per quanto possa sembrare pazzesco, Lee ha lasciato Google per qualcosa di… più interessante.

Sempre in movimento

La disponibilità di Lee a “seguire la corrente” sembra derivare da eventi vissuti in giovane età. Una situazione politica instabile in Costa d’Avorio ha costretto i suoi genitori a mandare Charlie, al tempo tredicenne, e suo fratello Bobby (ora anche lui membro attivo della comunità crypto) a un collegio nel New Jersey.

Al tempo Lee era molto più avanti rispetto ai suoi compagni di classe: dopo il primo giorno di lezioni di matematica, il suo insegnante lo promosse immediatamente all’anno successivo. Dopo un’altra giornata di lezioni, venne mandato direttamente al terzo anno:

“In pratica ho saltato due anni di matematica. Quindi un piccolo bambino del primo anno faceva matematica con alunni del terzo. Doveva sembrare molto strano.”

Per Lee, la prima esperienza negli Stati Uniti è stata “un grande shock“:

“Mio fratello era con me, cosa che mi ha aiutato un po’, ma era comunque più o meno da solo, separato dai miei genitori.”

Durante questo periodo, Lee ha imparato molte cose sulla gestione delle finanze. I suoi genitori gli inviavano una quota periodica, portandolo ad abituarsi al budgeting e alla pianificazione finanziaria in giovane età. “A tredici anni, ho imparato a risparmiare per cose nel futuro.

Ha per la prima volta compreso il valore della moneta solida da suo nonno, che aveva lasciato la Cina con lingotti d’oro cuciti nei suoi vestiti. “Era l’unico modo per portare la sua ricchezza fuori dalla Cina a Hong Kong”. Questa comprensione del denaro ha permesso a Lee di stabilire una connessione tra oro e Bitcoin quando vi si è imbattuto per la prima volta.

È una progressione naturale, spiega Lee. Prima che nascesse la tecnologia delle crypto, l’oro era la migliore forma di moneta:

È buona moneta. È a prova di inflazione. I governi non possono creare altro oro dal nulla come fanno con la fiat.

Nel mondo crypto, la gente chiama Bitcoin l’oro digitale e Litecoin l’argento digitale perché sono molto simili a oro e argento in termini di proprietà monetarie. Tuttavia, sono meglio di oro e argento perché sono digitali. I costi di conservazione sono bassi o nulli rispetto a quelli dell’oro, così come i costi per il trasporto. È quasi impossibile spostare una grande quantità di oro tra Paesi. Con Bitcoin, Litecoin e le altre criptovalute, invece, puoi.

Assunzione nel dot.com

Dopo aver completato i suoi studi al MIT in software informatico e ingegneria elettronica, Lee si è laureato al culmine della bolla del dot.com: era diventato una risorsa preziosa. “Ai tempi le compagnie stavano assumendo all’impazzata… Le offerte erano piuttosto incredibili per i laureati universitari.

Poco dopo, Lee decise di unirsi a una start-up, Kana, una compagnia con una valutazione “folle” di 4 miliardi di dollari:

“L’offerta era straordinaria. Se il prezzo delle azioni fosse rimasto lo stesso, il valore dei titoli distribuiti sarebbe arrivato a un milione, un milione e mezzo di dollari.”

Invece, appena un anno più tardi, le compagnie Internet crollarono. Molte aziende persero il 90% del proprio valore o collassarono completamente. “Sono entrato in cima, per così dire”, aggiunge Lee ridendo.

Dopo il crollo, Kana ha continuato a fatica, mentre diversi colleghi di Lee creavano Guidewire, una società di software per assicurazioni automatizzate. Lee si unì a loro per tre anni, prima di scegliere Google.

Esplorando Litecoin

Dopo aver lasciato Google e al termine della successiva esperienza in Coinbase come Director of Engineering, Lee è tornato ad esplorare possibilità con Litecoin. La comunità di appassionati è stata contenta della notizia. Riducendo prima le ore di lavoro in Coinbase, è passato poi a concentrarsi a tempo pieno sulla sua creazione, lasciando eventualmente l’exchange per dedicarsi all’attivazione della controversa soluzione di scalabilità SegWit:

Circolava molto FUD su SegWit. La mia teoria è che proveniva da Jihan Wu e dai miner che cercavano di bloccare SegWit in quanto avrebbe ridotto i loro guadagni.

Molti nella comunità avevano dubbi sull’implementazione della tecnologia, ma Lee credeva che Litecoin fosse il network perfetto per testarne l’efficacia e la sicurezza:

“Nessuno attaccherebbe un testnet perché, anche in caso di successo, non puoi guadagnarci. Serve valore reale per liberamente mettere in pratica la teoria.”

Lee realizzò che, se potevano attivare SegWit con successo su Litecoin, sarebbe stato possibile dimostrare la validità di questa soluzione di scalabilità. “In realtà, SegWit era una tecnologia davvero utile che avrebbe aiutato Bitcoin…con svantaggi davvero minimi.

Non è stato facile, spiega Lee, ma eventualmente ha convinto i miner di Litecoin ad attivare SegWit nell’aprile 2017, con un grande successo. Crede che questa innovazione abbia portato alla conseguente implementazione di SegWit su Bitcoin. “Ha reso perfettamente chiaro che non c’era niente di sbagliato e che avrebbero dovuto attivarla senza fare storie.

Ha venduto tutti i suoi LTC nel 2017

Il picco di mercato del 2017 aveva messo Lee in una situazione senza via d’uscita. Il numero di follower del suo Twitter era esploso durante la crescita del mercato, e i suoi tweet sembravano esercitare un’influenza considerevole sul valore di Litecoin.

Lee ha spiegato che un semplice “annuncio di un annuncio” à la Justin Sun avrebbe potuto causare un aumento dei prezzi. “Non volevo avere degli incentivi per farlo, non volevo interessarmi solo del prezzo.

Il conflitto di interessi tormentava Lee, e alla fine decise che sarebbe stato meglio liberarsi dei suoi fondi in Litecoin, con l’amaro disappunto (e le dure critiche) della comunità, la quale mise in discussione il suo impegno per la causa.

Si diffuse persino la voce secondo cui la sua vendita fece crollare il prezzo della criptovaluta. Lee spiega tuttavia che in realtà non possedeva molte monete, di certo non abbastanza per far collassare il mercato, a differenza di alcuni altri creatori che tenevano grandi somme pre-minate:

Ho comprato e minato le monete esattamente come chiunque altro. L’unica differenza è che ho iniziato in anticipo.

C’erano migliaia di persone all’inizio, probabilmente migliaia che possedevano più monete di me. Ma essendo il creatore e la figura centrale di Litecoin, ho pensato che non possedere monete e continuare a spingere sull’adozione, continuare a lavorarci, sarebbe stato il modo migliore.

Lee ammette che, col senno di poi, il tempismo ha creato un’impressione negativa. Comunque, sottolinea che a quel punto della sua carriera era già finanziariamente sicuro: “Ho scoperto Bitcoin agli inizi quindi ero già molto ricco. Essendo passato in Google, Guidewire e Bitcoin relativamente presto, di certo non avevo bisogno dei soldi”. Ora, precisa Lee, il prezzo di Litecoin gli interessa solo perché ci tiene alla sua adozione.

Lee aveva messo in guardia contro la natura ciclica del mercato crypto ben prima della sua vendita, aggiunge. Aveva infatti scritto su Twitter che il valore delle criptovalute tende a essere molto volatile, e che i prezzi sarebbero potuti crollare facilmente del 90%.

Durante le fasi di hype, spiega Lee, i nuovi arrivati entrano e comprano vicino all’apice, ma non sono psicologicamente pronti per i crolli. Le stesse persone venderanno quando i prezzi precipitano. “Compreranno in alto e venderanno in basso, un vero peccato. Se potessi cambiare le cose, preferirei che il prezzo non salisse così tanto, perché la caduta sarebbe devastante per gran parte della gente.

Lee ammette inoltre che per lui è davvero dura quando riceve critiche sui social media. “Probabilmente non dovrei farmi coinvolgere“, afferma. Crede che la cosa migliore da fare sia tenere la testa bassa e continuare a lavorare su Litecoin.

Perché la privacy è importante se non fai niente di male?

Secondo Lee, Bitcoin è la migliore forma di moneta che gli esseri umani abbiano mai visto. “È oro, ma meglio dell’oro.” Tuttavia, crede che una proprietà della buona moneta carente in Bitcoin sia la fungibilità.

Lee spiega che la fungibilità e la privacy sono priorità fondamentali per lo sviluppo di criptovalute. Per molti, la questione della privacy sembra irrilevante: qualcuno potrebbe chiedersi, perché dovrebbe importarmi la privacy se non faccio niente di illegale?

Lee offre un esempio per illustrare il problema: qualcuno compra 20 Bitcoin su un exchange e li preleva su uno wallet. La prossima volta che usa Bitcoin per fare qualcosa usando quell’indirizzo, l’input da 20 Bitcoin originale rimane visibile.

“Potresti vedere su un block explorer che ho inviato a qualcuno, diciamo, 0,1 BTC da un input che ne possiede 20. Quindi la persona che riceve vede che ho 20 Bitcoin. Possono esaminare le mie transazioni e provare a scoprire esattamente quanto possiedo, e non sarebbe molto difficile…”

Questa mancanza di privacy non è buona per la moneta, spiega. “Vuoi una moneta che sia fungibile. Quando dai a qualcuno venti dollari non vuoi che scopra che ne hai 100.000$ nel tuo conto bancario. O quanto è il tuo stipendio.” La privacy finanziaria è importante, aggiunge, “anche se non stai facendo niente di male.

Più fungibilità, secondo Lee, è sempre bene per la moneta.

Lee si è posto l’obiettivo di rendere le transazioni più private con MimbleWimble. La tecnologia non è perfetta, afferma, ma è “sufficiente”. La caratteristica chiave, spiega Lee, è il suo essere scalabile, una considerazione importante per le blockchain.

MimbleWimble sarà implementato su Litecoin usando blocchi di estensione, come una side chain attaccata alla main chain. Ogni blocco ha un blocco di estensione che contiene transazioni MimbleWimble. Gli utenti possono spostare monete tra le due catene mantenendo tutto privato sulla side chain. I fondi possono poi tornare alla main chain in cui avvengono transazioni trasparenti.

A differenza di SegWit, Lee dubita che la tecnologia MimbleWimble arriverà su Bitcoin. A meno che non funzioni perfettamente su Litecoin e dimostri di essere, effettivamente, il futuro. “Non credo che arriverà su Bitcoin in questa forma, ma si vedrà. È utile poter sperimentare su di essa.

Lee ha intenzione di continuare a lavorare su Litecoin, ma dice che eventualmente si allontanerà al momento opportuno. La sua presenza è sia positiva che negativa per Litecoin, afferma. Essendo un’influenza centrale per la causa del network di Litecoin, Lee può spingere per portare cose a termine in modo più semplice ed efficace rispetto alla situazione nella comunità di sviluppo decentralizzata di Bitcoin. Questo però rende anche Litecoin più vulnerabile:

“Supponiamo che il governo voglia avere dell’influenza su Litecoin, potrebbero fare pressione su di me. Oppure se iniziassi a fare qualcosa di sbagliato, posso davvero danneggiare Litecoin.

Eventualmente, quando Litecoin non avrà più bisogno di me, quando sarà più maturo e decentralizzato, sarà meglio che io mi allontani. Ma fino ad allora farò il possibile per aiutarlo ad avere successo.”

Bitcoin: il re delle crypto

Bitcoin resta sempre il re delle crypto, insiste Lee: “Cerco di aiutare Bitcoin quando posso.

Il prossimo grande passo per Bitcoin? Un ETF:

“È necessario rendere facile per chiunque ottenere un’esposizione a Bitcoin. Ci sono molti soldi che non riescono a ottenere un’esposizione a Bitcoin perché non esiste un modo semplice. […]

Anche l’ETF sull’oro ci ha messo un po’. Ci vorrà del tempo, ma eventualmente arriverà. Abbiamo solo bisogno di più storia e nuovi exchange più grandi e affidabili.”

Anche con l’adozione di massa di Bitcoin, Lee crede che ci sarà ancora molto spazio nel mercato per Litecoin. Offre transazioni veloci e a basso costo, compatibilità con il Lightning Network e l’abilità di eseguire atomic swap tra LTC e BTC:

“In futuro, credo che la gente userà il denaro senza neanche conoscere la tecnologia sottostante. Che sia il network di Bitcoin, che sia Lightning, che sia Liquid, che sia il network di Litecoin o qualsiasi altra cosa. Alla fine, tutto questo verrà astratto dall’utente. A loro importa solo inviare valore.”

LEGGI L’ARTICOLO SU IT.COINTELEGRAPH.COM


IMPORTANTE: Questo articolo non è stato originariamente creato da Fintech Advisor e la sua proprietà intellettuale appartiene totalmente alla fonte originale.


Ogni testo, immagine, foto e così via è stato estratto direttamente e automaticamente dalla fonte originale attraverso il suo feed RSS

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News in Evidenza

LE MIGLIORI NOTIZIE DEL MONDO FINTECH DIRETTAMENTE SULLA TUA MAIL, OGNI GIORNO.

Le nostre ultime Video News!

LE NOTIZIE PIÙ RECENTI